Seguimi su:  FACEBOOK  TWITTER INSTAGRAM LINKEDIN PINTEREST

Category

etiquette

etiquette-2

411 0

le 10 regole dell’invitato perfetto!

etiquette

è arrivata la partecipazione di matrimonio del vostro caro amico,parente o collega…

leggere l’invito con molta cura e attenzione ai dettagli inseriti…è uno dei segreti per prepararsi all’evento in maniera impeccabile!

ecco le 10 regole da seguire per essere un invitato perfetto:

1) Rispondete all’invito ricevuto comunicando  agli sposi la vostra eventuale presenza al matrimonio non più tardi di 2 settimane prima della data prevista

2) Se specificata nella partecipazione una richiesta “codificata” o una richiesta personalizzata di abbigliamento,rispettatela!… nel caso in cui non venisse indicato un dress code, ricordatevi di NON indossare abiti di colore bianco, nero o rosso, valutare la tipologia di location dove si svolgerà l’evento per comprenderne il tono della cerimonia e scegliere il capo più adeguato all’occasione!

3) Non indossate gli occhiali da sole in Chiesa.

4) Nella scelta del regalo di nozze è estremamente consigliato seguire le indicazioni fornitevi dagli sposi o dai loro familiari, nel caso in cui non fosse stata specificata alcuna informazione in merito ad un eventuale lista nozze… scegliere di regalare una quota di denaro, sarà sicuramente un regalo gradito in quest’occasione.

5) Arrivate in anticipo!… lasciate alla sposa l’esclusiva del ritardo!

6) Accomodatevi all’interno della Chiesa, a destra se siete gli amici dello sposo e a sinistra se lo siete per la sposa e attendente il suo arrivo con pazienza!

7) Uscite dalla Chiesa in maniera ordinata e discreta, attendendo l’uscita degli sposi per il lancio del riso.

8) Non modificate mai l’assegnazione al tavolo scelta dagli sposi  per voi ma abbiate rispettato del tempo speso, nella gestione della disposizione dei tavoli.

9) Al ricevimento comportatevi con eleganza, senza eccessi!

10) Non andate via prima del taglio della torta…non è un gesto di buon augurio

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

332 0

guida al regalo di Natale

etiquette

è iniziato il countdown alla notte più magica dell’anno…

…nessun contatto diretto con Babbo Natale per una dritta su cosa mettere sotto l’albero quest’anno per i piccoli,i grandi di casa e gli amici…il tempo corre più veloce che mai e la lista delle persone a cui pensare è ancora lunghissima…esiste la probabilità di mettere a rischio portafoglio e originalità pur di portare a casa qualcosa…

ma…siamo davvero sicuri che contenuto e valore economico siano più importanti del semplice gesto di donare?

….donare è uno dei gesti più belli che l’uomo è in grado di compiere!

un regalo pensato,dotato di significato emotivo caratterizzerà il regalo perfetto!

il momento dello scambio dei doni,vanta un altissimo carico di felicità!…

è il momento in cui si da e si riceve, è il momento della gratitudine, degli abbracci,dei sorrisi,della gioia autentica!

pensare a cosa potrà rendere felici…è un ottimo punto di partenza!

Sfogliando le pagine che parlano di bon ton natalizio,impareremo che la confezione del nostro regalo ha un importantissimo valore, ne acquista ancora di più se saremo stati noi a realizzarla,impreziosisce smisuratamente quando è accompagnata da un bigliettino che riporta una dedica,un pensiero,un augurio,vero…il bon ton natalizio consente il riciclo di un regalo quando è sincero…succede quando si regala qualcosa che non si acquista,ci viene regalato,adesso ci appartiene,magari abbiamo già o non utilizzeremo tanto quanto potrebbe fare il nostro migliore amico…allora con carta e nastro sarà possibile confezionarlo, felici di raccontarne la storia,che non sarà quella di un pomeriggio in un grande magazzino con carta di credito nelle mani…il nostro amico lo apprezzerà!

 un salto dal nostro fioraio preferito per acquistare,centrotavola,fiori,piante da portare a casa in occasione di pranzi e cene , nel periodo natalizio, sarà un ottima idea!

non lo sarà regalare un capo d’abbigliamento senza lo “scontrino regalo” che permetterà di cambiare taglia e colore,non lo sarà, avventurarsi in materie sconosciute…no alla bottiglia di vino se non siamo dei buoni intenditori!

…no a soldi o carte prepagate perchè ,anche se utili,comodi da regalare,rientrano tra i regali più anonimi al mondo…e il Natale non è l’occasione giusta per loro!

Il regalo di Natale non ha un costo previsto,non è stato definito un limite sotto o sopra il quale non andare…si può regalare qualcosa di costoso ma vuoto di significato,economico ma importante.

Il regalo di Natale può essere un dolce fatto in casa,una lettera,la fotografia di un momento memorabile…un libro…il mio preferito!

Il regalo di Natale è magia, felicità negli occhi di chi lo scarterà sotto l’albero pensando a te,emozione…

adesso tocca a te scegliere il “fiocco” più bello da donare!

enjoy Christmas time!

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

419 0

A cena con…”Richard Gere”: la tua guida bon ton!

etiquette

Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, avrà ricevuto o riceverà un invito ad una cena importante…che sia una ricorrenza da festeggiare in un ristorante esclusivo, una cena di lavoro o il primo appuntamento “gourmet” con l’uomo o la donna più affascinante di tutti i tempi…

seguire poche, semplici, ma efficaci dritte, abbinarle alla felicità di una serata speciale, sarà utile, per godersi il momento,non sentirsi vittime dell’agitazione e cadere nello stesso fastidioso imbarazzo che Vivian (Giulia Roberts) prova, prima e durante la cena di lavoro con Edward (Richard Gere), quando si ritrova a contare i rebbi della sua forchetta e litigare con quelle s…. lumachine nel piatto… nella famosissima scena del film, Pretty Woman!

Allora… ecco qualche consiglio per presentarsi preparati e felici all’appuntamento.

cosa indossare?

img_5038

tacchi per lei e camicia bianca per lui non andranno lasciati nell’armadio!

Indossate i tacchi solo se siete certe di riuscire a farlo con disinvoltura e naturalezza per non rischiare di dare l’impressione di aver esagerato con i brindisi, altrimenti scegliete una scarpa bassa ma elegante che possa farvi sentire a vostro agio durante la serata.

La camicia bianca, indispensabile nel guardaroba di ogni uomo, elegante e formale,rigorosamente a maniche lunghe, andrà indossata pulita e perfettamente stirata!

siate puntuali ma non in anticipo!!!

A tavola:

appoggiate il tovagliolo nelle gambe


img_5025

non dilungatevi nella scelta del piatto, evitate di rivolgere al cameriere troppe richieste di variazione al piatto scelto, piuttosto cambiate pietanza!

non lasciate scegliere qualcun altro per voi, la probabilità di ritrovarsi davanti ad un piatto che non rientra tra i propri gusti, è abbastanza alta!

non augurate “buon appetito“…per gli autentici seguaci del galateo, questo augurio potrebbe risultare offensivo.

partite sempre dalla posata posizionata all’esternoimg_5026

Se vi verranno servite le olive come antipasto ricordatevi di riporre il nocciolo nella forchetta e poi nel piatto!

img_5030

non toccate i capelli a tavola, non gesticolate con le posate in mano, ascoltate senza interrompere le conversazioni, appoggiate solo l’avambraccio sul tavolo, mai i gomiti!

L’acqua sarà l’unica bevanda consentita a tavola insieme al vino e alle bollicine per il brindisi

img_5029

a proposito di brindisi…  il calice va portato al centro del tavolo, come ci suggerisce il significato della parola tedesca “bring dir’s – lo porto a te” da dove deriva il termine  “brindare”!

si partecipa al brindisi sempre, anche se astemi, sfiorando il bicchiere con le labbra.

non esagerate con il numero di bicchieri di vino e bollicine, perdere il controllo della situazione potrebbe diventare imbarazzante e di cattivo gusto per chi dovrà “sopportarvi” fino a fine serata!

Non soffiate sul cibo ma aspettate che si raffreddi…

se si tratta di un risotto

img_5028

utilizzate la forchetta per mangiarlo, se avete ordinato un piatto di spaghetti sarà vietato utilizzare il cucchiaio per arrotolarli

il cucchiaio a tavola va utilizzato solo per zuppe e minestre!

img_5027

posizionare il coltello a destra ad ore 16 e la forchetta a sinistra ad ore 20 con i rebbi verso il basso

per una pausa breve, per bere o chiacchierare

img_5031

Non parlate con la bocca pienamasticate in maniera decorosa,

rinunciate ahimè alla tanto amata “scarpetta“,il galateo la proibisce categoricamente… non leccatevi le dita!

vietatissimo anche l’utilizzo degli stuzzicadenti a tavola, se non riuscite a sopportare il fastidio di avere qualche residuo di cibo incastrato tra i denti, recatevi alla toilette e utilizzate lo stuzzicadenti o il vostro filo interdentale.

img_5035

la frutta va tagliata prima di essere sbucciataimg_5037

A fine pasto le posate andranno posizionate entrambe con il manico sul piatto con il coltello a destra con la parte tagliente verso la forchetta, e la forchetta a sinistra con le punte rivolte verso l’alto, ore 18.30 o 16.20

img_5032 img_5033

Lo smartphone non è il benvenuto a tavola, la suoneria andrà spenta,sarà consentita la vibrazione.

é possibile rispondere ad una telefonata importante a patto di non dilungarsi nella conversazione, scattare una foto ricordo, che potrà essere postata sui social preferibilmente finita la cena,non tra un piatto e l’altro, solo dopo aver ricevuto il consenso di chi è presente nello scatto!

img_5036

 

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

 

522 0

L’arte del ricevere gli amici a casa

etiquette

 Invitare qualcuno a pranzo vuol dire incaricarsi della felicità di questa persona durante le ore che egli passa sotto il vostro tetto.  Anthelme Brillat-Savarin.

È possibile impreziosire un momento di felicità, seguendo le regole del galateo, non necessariamente  in maniera rigorosa, anche in occasioni considerate informali come un pranzo o una cena con amici in casa, regole fondamentali per superare ogni momento del nostro pranzo o della nostra cena senza imbarazzo e difficoltà e far sentire i nostri ospiti lusingati e a proprio agio.

Una telefonata o un messaggio contenente le informazioni del nostro invito dovrà essere inviato preferibilmente 3 giorni prima ai nostri amici per permettere loro di accettare l’invito senza ritrovarsi a dover rinunciare, a causa di altri impegni precedentemente programmati.

call-me

Personalizzare la tavola con dei segnaposto,preparare dei piccoli cadeaux da consegnare ai nostri amici, curare i dettagli, la pulizia della propria casa, saranno elementi molto apprezzati .13537717_10209796533694305_1017536020853420127_n

L’abbigliamento dovrà sempre essere adeguato, comodo ma curato e in linea con il momento…

da evitare quindi giacca e cravatta o tuta per lui ,abito lungo e gioielli o shorts e mollettone ai capelli per lei.

Se in casa vostra preferite non indossare le scarpe e vorreste che i vostri amici rispettassero la vostra volontà, allora sarà inevitabile metterli nella condizione di accontentarvi senza che questa vostra scelta si trasformi in un disagio per loro.

Un cestino in vimini contenente ciabattine colorate di varie misure per i vostri ospiti, sarà sufficiente per mettere tutti d’accordo… e per l’amico più pignolo o polemico sull’argomento, basterà realizzare un paio di ciabattine personalizzate con le sue iniziali, da portare a casa come regalo a fine serata, per quietare il suo animo e stupirlo piacevolmente. img_3985

L’arrivo degli invitati è un momento che prevede la presenza di entrambi i padroni di casa alla porta;

questo momento a volte viene accompagnato da un pacchetto regalo, un dolce o dei fiori da parte dell’invitato, gesto che dovrà essere sempre valorizzato con la giusta attenzione, aprendo subito, ma con discrezione nei confronti degli altri invitati che si saranno presentati a mani vuote, il regalo ricevuto, sistemando i fiori in un vaso che sarà poi posizionato nella stanza dove trascorreremo il tempo con gli amici e il dolce  che  dovrà essere offerto e consumato durante il pranzo o la cena.

Molto importante sarà la scelta del menù!

Che si tratti di un menu completo o di una cena a base di pizza, bisognerà accertarsi che i nostri amici non detestino un ingrediente in particolare come potrebbe essere il formaggio, spesso presente nelle preparazioni ,oppure, nel caso in cui non vedessimo i nostri amici da tempo, bisognerà accertarsi che nel frattempo, non abbiano scelto di diventare vegetariani o abbiano sviluppato intolleranze alimentari.

Prima di accomodarci a tavola se non  avete avuto il tempo di realizzare dei segnaposto allora ricordatevi che i padroni di casa dovranno sempre sedere a capotavola e tutti gli altri amici andaranno fatti accomodare alternando un uomo ad una donna preferibilmente che non siano marito e moglie.

Se saranno presenti bambini alla vostra cena e preferite apparecchiare un tavolo per loro, è importante che anche questo sia allestito con cura e gusto.

1464023_10208318885114014_6538721308008312604_nNel  caso in cui i bambini dovessero sedere al  tavolo con gli adulti allora, sarebbe preferibile farli accomodare tra i due genitori.

In un momento conviviale come una cena la musica che sceglieremo come sottofondo dovrà sempre avere un volume basso per permettere il dialogo tra i nostri ospiti; creare una playlist o scegliere un canale musicale preferibilmente di musica jazz sarà la soluzione migliore per non occuparvi della musica durante la serata.

Organizzate sempre un cocktail di benvenuto con vari stuzzichini per intrattenere gli ospiti, sarà molto gradito in particolare durante l’attesa del  ritardatario del gruppo, ma se il nostro amico avrà avvisato del ritardo,causato da un imprevisto che richiederà molto tempo, confermando il suo arrivo,  probabilmente non prima del momento del dolce, allora potremmo accomodarci a tavola senza attendere il suo arrivo; solo nel caso in cui dovesse disdire, allora sarà nostra premura portare via il suo coperto dal tavolo.

Gli ospiti dovranno essere accompagnati con attenzione anche nel momento dei saluti, certi che un pizzico di galateo come ospite, al nostro incontro, sarà stato assolutamente cosa gradita !

 

Overjoyed

Irene Nicolosi

logo copia