Seguimi su:  FACEBOOK  TWITTER INSTAGRAM LINKEDIN PINTEREST

Category

events

events

425 0

Le candeline da festeggiare…

events

Iniziamo cosi…pensando che esistono delle tappe assolutamente da festeggiare,ma che non esiste alcuna ragione per non festeggiarle tutte!…

scopriamo insieme quali sono le tappe più importanti!

La prima candelina, quella del primo compleanno è la più festeggiata…

è il primo traguardo,è la candelina che saremo riusciti a soffiare dopo lunghissime ore di esercizio nei giorni precedenti, con la preziosissima collaborazione di mamma e papà e un importante tifoseria di “grandi” amici e parenti…

è quella che riviviamo guardando le foto,ascoltando i loro racconti…

il primo compleanno…è una festa da adulti che si veste da “bebe”,si svolge preferibilmente nel tardo pomeriggio e si conclude ad orario di cena, nel rispetto delle “piccole” abitudini,tipiche dei primi 365 giorni di vita!

…il banchetto non potrà non includere preparazioni adatte al protagonista della festa:

focacce,pizzette,formaggi,biscotti,marmellate,dessert e centrifughe accompagneranno la classica torta e saranno apprezzatissime da grandi e piccini.

Sarà preferibile rimandare la prima festa di compleanno con i compagnetti …alla terza, quarta candelina quando il piccoletto sarà più felice e capace d’interagire con i suoi piccoli amici,

riservando ai familiari più intimi la seconda candelina.

l’orario d’invito ideale per un baby party è alle ore 16, che coincide con l’orario della merenda e prevede un ricco,semplice,sano buffet! scegliere di organizzare una festa a tema, che possa divertire e coinvolgere i piccoli invitati nell’intrattemimento,nelle decorazioni utilizzate e possa conquistarli sin dall’invito ricevuto, sarà il segreto per una festa memorabile!

In alcune zone dell’America latina una tappa da festeggiare coincide con il quindicesimo compleanno,la festa chiamata Quinceañera, che in Italia non corrisponde a nessun traguardo in particolare ma coincide con un età di cambiamenti importanti  comune a tutti i ragazzi di quest’età di qualsiasi parte del mondo che vale la pena festeggiare.

Arriva poi… la prima coppia di numeri davvero importanti … i 18 …i numeri delle prime grandi responsabilità,quelli dell’indipendenza,quelli della trasformazione da ragazzino in adulto.

queste candeline meritano una festa importante, dinamica,ambientata in un posto originale ,particolare,allestito con un buffet di stuzzichini dolci e salati e che preveda uno spazio adeguato per ballare!

la torta in quest’occasione,protagonista della serata insieme alla festeggiata,sarà un elemento “paparazzatissimo”, ecco perchè dovrà essere molto scenografica!

sarà di fondamentale importanza, affidare il compito ad un eccellente cake designer,capace di “raccontare” il festeggiato con un capolavoro in pasta di zucchero!

Dal ventesimo compleanno in poi, si riserveranno grandi festeggiamenti al soffio di tutte le decine,perchè ad ognuno di questi traguardi corrisponderà un significato considerevole.

…Un soffio a 30 candeline circondati dalle persone più importanti,quelle che nel tempo sono rimaste,che hanno contribuito ai successi raggiunti,carichi di energie e possibilità!

un soffio ai 40 come l’inizio di una seconda vita,quella in cui è possibile respirare e godere dei “successi” costruiti!

e poi i 50,le candeline che iniziano a far sentire il tempo che passa, ma ci ricorderanno quanto ancora abbiamo da fare!

arriverà il 60esimo compleanno e poi i 70, gli 80…i 100

 e queste saranno le candeline legate alla famiglia,alle cose che contano davvero…un soffio agli anni che si portano sulle spalle,alle esperienze “collezionate”,ad un consistente album di ricordi, bellissimo da sfogliare.

Happy birthday

&

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

488 0

la magica notte della Vigilia di Natale

events

La Vigilia di Natale è una notte magica,un momento sacro da vivere in compagnia dei propri familiari, riuniti davanti ad un pasto semplice e un dolcissimo dopocena… un trionfo di dolci tra panettone,pandoro,meringhe,biscotti,cioccolati, giochi,chiacchiere e sorrisi.

Appena sfornati i biscotti per Babbo Natale…

biscotti, una tazza di latte caldo e carote per le renne saranno i protagonisti di un gesto carico di magia per grandi e soprattutto piccini che avranno il compito di appoggiarli vicino l’albero e andranno a dormire sognando l’Uomo dalla barba bianca,arrivare dal camino con un sacco pieno di doni,impazienti di aprire gli occhi e trovare la tazza di latte vuota,i biscotti mangiucchiati, le carote divorate  e tanti tantissimi pacchi e fiocchi sotto l’Albero,simbolo indiscusso, insieme al Presepe del Natale.

La mia Vigilia di Natale sarà caratterizzata da un ambiente caldo e accogliente,luci,profumi intensi come quello della scacciata siciliana appena sfornata,torta al cioccolato,caramelle,zenzero e cannella.

I profumi sono un elemento fondamentale nell’allestimento della casa per la Vigilia,perchè ciò che verrà percepito dall’olfatto provocherà emozioni che rimarranno impressi nella memoria per moltissimo tempo.

Preparerò delle bevande calde da consumare davanti il camino attendendo l’arrivo del Natale,la nascita di Gesù.

Immancabile una tazza di cioccolata calda,accompagnata da meringhe,marshmallow e biscotti.

Allestirò la tavola con candele in barattoli di marmellata,pigne,stecche di cannella,piccoli pini e bacche rosse.

La colonna sonora della mia notte di Natale,sarà caratterizzata dai classici brani di Natale e giochi che faranno felice la piccola di casa e il cuore di chi con lei ritornerà bambino per una notte.

IO sono prontissima al Natale e tu?

Come stai organizzando la tua vigilia?

Buon Natale

da

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

578 1

Volare…felice di stare lassù!

events

Vi racconto il dietro le quinte di un viaggio…come un assistente di volo si prepara per una partenza,organizza il vostro “soggiorno” in aereo…dinamiche,momenti,piccoli segreti di un evento che si svolge a circa 10.000 metri di altezza , in una location perfettamente condizionata, sospesa nel cielo,  dotata di preziosissime ali e motori.

12642708_10153862323909424_4786905326416189016_n

Un foglio turni,con una programmazione, in genere, mensile,permette ad un assistente di volo di conoscere le destinazioni che riguarderanno le sue giornate lavorative!

ci saranno poi dei giorni, di “riserva”,in cui rimarrà “in panchina”, proprio come succede ad un giocatore di calcio…in quelle giornate l’uniforme sarà prontissima per essere indossata, appesa vicino la porta,per ottimizzare i tempi,che non superano i 60 minuti di preavviso!

…se decidesse allora di allontanarsi da casa, durante il periodo di riserva, non andrà molto lontano…il supermercato sotto casa, potrebbe essere un azzardo, se la sua abitazione dista più di 30 minuti dall’aeroporto, e lo farà possibilmente indossando parti d’uniforme sotto un maglione e lo chignon in testa!!!

nei giorni di riserva un assistente di volo,non prende impegni…potrebbe esserci,ma non di sicuro!

Trucco e parrucco sono essenziali quando s’indossa l’uniforme,i capelli vanno sempre legati e non è solo una questione d’immagine!

trecce,code ,chignon, ‘banane’ ,sono le acconciature previste per un assistente di volo! mai, riuscirete a vederne una con i capelli sciolti, a meno che la lunghezza dei suoi capelli non arrivi a toccare le spalle.

5035f37759f0aa3e888ff012bf9b82e8

vi siete mai chiesti il perchè?…

in caso di emergenza,un assistente di volo dovrà essere libera da qualsiasi impedimento che possa rallentare,ostacolare e trattenere il suo intervento;

in caso d’incendio ad esempio, i suoi capelli sciolti potrebbero infiammarsi…lei è addestrata ad estinguere un incendio, la sua uniforme è caratterizzata da tessuti che ne ritardano la combustione…tutto a bordo di un aereo ha un perchè…anche il suo chignon!

un assitente di volo indossa sempre un paio di calze a compressione graduata…estate compresa,anche ai tropici!

calze a compressione graduata,beveroni diuretici,succo di mirtillo,sono i suoi alleati per il benessere delle sue gambe,che affrontano numerose ore di volo.

un assistente di volo di corto raggio avrà un foglio turni carico di destinazioni!

dopo l’atterraggio, prima di un nuovo decollo, trascorrerà con i piedi per terra un tempo che varia dai 30 ai 60 minuti,saluterà i passeggeri sempre con un sorriso,controllerà che la cabina sia sgombra da qualsiasi oggetto “non previsto”,verificherà che tutto sia pronto e in ordine per accogliere i nuovi passeggeri;

quando riceverà l’ok dalla cabina di pilotaggio inizierà l’imbarco,chiuderà le porte ripartirà per un altra destinazione,ripeterà la stessa operazione 2,3,4 volte…nella stessa giornata!

Il foglio turni di un assistente di volo di lungo raggio,avrà in programma qualche ora in più con i piedi per terra,fuori casa…vagabondare,sarà una delle caratteristiche della sua professione.

troverà un po di casa, in ogni camera di hotel , dove trascorrerà parte del suo tempo prima di ripartire. I colleghi con cui condividerà “senza impegno”quelle giornate,la colazione,il pranzo, la cena, un tuffo nell’oceano,lo shopping lungo la  5th Avenue a New York,il safari in Africa,saranno i suoi compagni “d’avventura”…a volte capiterà di volare per la prima volta con uno di loro,lo stesso che non appena le porte dell’aereo si saranno chiuse,le sembrerà di conoscere da una vita,lo stesso a cui confiderà qualche segreto tra un tuffo e un altro,il collega con cui condividerà,sorrisi,chiacchiere fino a tarda notte… imparerà anche a stare da sola,ascoltare il silenzio,vivere con se stessa lunghissime infinite giornate dall’altra parte del mondo.

un assistente di volo di lungo raggio fidanzata,sposata o con figli,si riconoscerà, dal tempo che trascorre seduta in una poltrona, nella hall dell’hotel,perchè quello, potrebbe essere l’unico posto dove riuscire ad usufruire gratuitamente del wi-fi…in quel momento darà indicazioni al marito su eventuali commissioni da fare al posto suo,con una videochiamata,aiuterà il figlio a fare i compiti,farà a cazzotti con il fidanzato, per qualche “pronosticata” scenata di gelosia…

cosa porta in valigia l’assistente di volo?

6688ea12b05e14ec5cd268927efbddd4

un assistente di volo di corto raggio porterà sempre con se una borsa da lavoro,crew bag!

un assistente di volo di lungo raggio aggiungerà alla crew bag,una valigia di grandi dimensioni,dove inserirà davvero di tutto!!!…le scarpe da tennis per la palestra,saranno sempre presenti anche nella valigia del più pigro assistente di volo.

 telefono,slip,spazzolino e dentifricio,camicia e calze di ricambio,documenti di volo,passaporto,scarpe comode da utilizzare dopo il decollo,carica batterie non mancheranno mai in una crew bag.

il turno di un assistente di volo può iniziare e terminare ad orari improbabili!

dopo aver indossato l’uniforme e aver inserito le ultime cose in valigia,si dirigerà in aeroporto…arriverà circa due ore prima del decollo ,in una saletta chiamata crew briefing, dove incontrerà gli altri membri dell’equipaggio e con loro pianificherà ogni momento del volo,verrà informata dai piloti in merito alle condizioni meteo,valuterà e stabilirà le dinamiche del servizio,verrà informata della presenza di eventuali passeggeri che richiedono un assistenza speciale,farà un ripasso delle azioni che dovrà intraprendere in caso d’emergenza!

ea76c5c580f064251319fc8276bcf10b

dopo aver superato i controlli di sicurezza,arriva a bordo dell’aeromobile e verifica che gli equipaggiamenti di emergenza presenti a bordo nella sua zona di competenza non presentino anomalie.

arriva il momento del controllo del catering,che a seconda della tipologia di volo che affronterà,potrà richiedere più o meno tempo. Verificare che siano presenti a bordo sufficienti bevande e snack o pasti caldi per i passeggeri, sarà indispensabile prima della partenza…prima dell’imbarco l’assistente di volo si occuperà di “allestire” la cabina di pilotaggio con acqua,bicchieri,tovaglioli per i piloti.

terminate le procedure di sicurezza e commerciali,inizierà l’imbarco dei passeggeri.

l’assistente di volo si occuperà di dare il benvenuto e assistenza ai passeggeri lungo la cabina.

quando tutte le operazioni d’imbarco saranno terminate,riceverà l’ordine di chiudere le porte,armare gli scivoli d’emergenza, verificando che il collega abbia fatto lo stesso con la porta di competenza.

l’aereo inizierà a muoversi lentamente per raggiungere la pista,in questo momento,l’assistente di volo si occuperà di mostrarvi le procedure di sicurezza,manualmente o con la proiezione di un video a cui seguirà un controllo dove verificherà che il passeggero abbia allacciato la cintura di sicurezza,abbassato i braccioli del sedile,aperto l’oscurante del finestrino,posto lo schienale in posizione verticale,chiuso il tavolino e sistemato la borsa sotto il sedile davanti…svolgerà quest’operazione anche prima dell’atterraggio.

la cintura va allacciata!una brusca frenata durate la fase di rullaggio,una forte turbolenza durante il volo potrebbero essere più “cattive” di quello che immaginate, i braccioli del sedile abbassati vi aiuterebbero a rimanere seduti al vostro posto il più possibile anche in queste circostanze!

in caso di emergenza,l’oscurante del finestrino aperto permetterebbe all’assistente di volo di verificare più facilmente le condizioni esterne  prima d’iniziare un eventuale evacuazione,che prevede un tempo di soli 90 secondi per essere completata;anche i soccorsi potrebbero avere una visuale dell’interno della cabina e i passeggeri durante le operazioni di decollo e atterraggio potrebbero accorgersi di eventuali “stranezze” all’esterno.

tavolino chiuso,schienale dritto e borsa sotto il sedile garantiranno un evacuazione più veloce,libera da ostacoli in caso di emergenza!

se  il decollo e l’atteraggio avverranno di notte,le luci di cabina verranno attenuate per abituare meglio l’occhio di chi viaggia, alle condizioni esterne e velocizzare in caso di emergenza le operazioni di evacuazione.

“cabin crew take off imminent” o “cabin crew ready for take off “

è il messaggio che arriverà dalla cabina di pilotaggio per informare l’assistente di volo che l’aereo sta per decollare!

Lei,si siederà nello strapuntino e durante la corsa di decollo o poco prima dell’atterraggio,rimarrà in silenzio a pensare e ripassare le procedure da mettere in pratica in caso di emergenza.

dopo il decollo, l’assistente di volo verrà autorizzata dal comandate ad alzarsi e iniziare le operazioni commerciali.

980b13fdbb2ff1247218f8bd509fcc34

l’assistente di volo accenderà il forno per scaldare i pasti previsti per il pranzo o la cena dei passeggeri e organizzerà il suo carrello in maniera funzionale per affrontare il servizio commerciale,se invece sarà in servizio su un volo breve,allora si occuperà di allestire il carrello per un servizio di offerta o vendita di snack e bevande!

durante la crociera si occuperà anche del pasto dei piloti che non potrà essere MAI uguale per entrambi, per evitare eventuali casi di malessere comune dovuti alla tipologia di pasto consumato!

quando il servizio commerciale sarà terminato, l’assistente di volo concorderà con i colleghi i turni di riposo e assistenza, durante la fase di crociera.

durante il turno di riposo in un volo intercontinentale,l’assistente di volo si “rifugerà” in una parte dell’aereo dedicata al suo riposo durante le ore di servizio.

si chiama crew rest,si trova in genere nelle ultime file dell’aeromobile,ha dei sedili completamente reclinabili e delle tende che rimarranno chiuse durante il volo.

durante il turno di assistenza,l’assistente di volo alternerà passeggiate in cabina per fornire assistenza ai passeggeri che lo richiedono e momenti dietro la tenda del galley,probabilmente a piedi scalzi, ad osservare il corridoio dell’aereo o a consumare il suo pranzo o la sua cena!

quando l’aereo inizierà la sua discesa,si preparerà per l’atterraggio,sistemerà trucco e parrucco,indosserà la giacca, le scarpe “da scena” ed effettuerà il controllo di sicurezza in cabina,come aveva fatto,prima del decollo.

A terra,dopo aver ricevuto il comando, disarmerà lo scivolo,aprirà le porte e inizierà lo sbarco dei passeggeri.

Terminato il volo l’equipaggio si riunirà,confrontandosi e commentando eventuali problematiche verificatesi durante il volo!

adesso ritornerà a casa a riposare prima di una nuova partenza o si dirigerà insieme all’equipaggio nella strutturà che l’ospiterà per il numero di giorni previsti dal suo turno!

Un assistente di volo è felice di restare appesa alle nuvole e osservare il mondo da lassù,

non esiste ufficio con un panorama più incredibile, in quell’aereo stacca la spina con la realtà,  lei chiude le porte e lascia a terra sentimenti, feste programmate,pensieri,preoccupazioni… e quando decide di smettere di volare,o di mettere a riposo “le ali” per un pò, perchè di sentimenti,famiglia,amici,feste programmate… ha bisogno adesso nella sua vita…

Lei non dimentica

non si lascia mai alle spalle esperienze,racconti,momenti che hanno fatto parte della sua vita fino a quel momento,ma porta tutto con se in ogni circostanza,durante ogni singolo momento della sua vita!

prepara un altra valigia, la sua specialità, mette dentro tutto quello che di prezioso ha imparato e vissuto fino a quel momento e si occupa di un altro “evento”

…la sua vita,quella con i piedi per terra,quella reale!

i brividi che sentirà ogni volta che toccherà la sua uniforme appesa nell’armadio, la malinconia negli occhi ad ogni incontro con un suo ex collega, le lacrime agli occhi per l’emozione, ogni volta che vedrà decollare un aereo quasi sopra la sua testa, perchè non troppo lontano dall’aeroporto avrà deciso di rimanere a vivere, saranno emozioni che l’accompagneranno tutta la vita!

Lei, sarà sempre FELICE di vivere, il privilegio di vedere il mondo da lassù,con lo sguardo di chi quel panorama, lo porta nel cuore!!!

img_5202

Overjoyed

Irene Nicolosi

 logo copia

400 0

Happy hour ” l’ora felice”

events

L’happy hour,un appuntamento fisso conosciuto in tutto il mondo.

kir e noccioline caratterizzeranno un happy hour parigino, crostini con salsa tzatziki e una bottiglietta di uozo quello greco, tapas e cerveza saranno le parole d’ordine per un happy hour in territorio spagnolo, non mancheranno le empanadas nel sud america, onion rings negli usa, falafel in un happy hour libanese, bruschette,crostini e spritz se vi troverete a milano, arancinetti e mini cartocciate in sicilia…

cambierà cosa stuzzicare e cosa bere,ma non cambierà il suo significato…

img_4522

l’happy hour è un momento di aggregazione, un occasione per socializzare, staccare la spina dallo stress quotidiano,incontrare amici e colleghi, chiacchierare, spizzicare, bere un cocktail in buona compagnia mentre si ascolta buona musica senza fare troppo tardi, festeggiare, un occasione in più nella nostra giornata per essere felici!

Stabiliamo 10 regole utili per organizzare un happy hour in casa nostra:

  1. Lista degli invitati img_4511 10/12 è il numero d’invitati ideale per un happy hour in casa; per un happy hour di successo la selezione dei nostri ospiti sarà fondamentale, si ai simpatici! non potrà mancare nella lista il comico del gruppo, sarà sempre una buona idea mescolare gente diversa, motivo in più per confrontarsi e affrontare lunghe e piacevoli chiacchierate, assolutamente da escludere le coppie chiuse ,il brontolone, chi detesta i momenti informali e non sa divertirsi.
  2. Orario img_4512dalle 18 alle 20
  3. Dove  img_4535per consentire ai nostri ospiti di rilassarsi sarà indispensabile un ampio spazio, con poltrone,divani, cuscini a terra e luci soffuse
  4. Tema (giappo,in rosso,vegetariano,vintage,estivo) img_4513decidere il fil rouge del nostro happy hour permetterà di trasformare un momento informale in un piccolo evento esclusivo
  5. Spesa
    img_4516formaggi,olive,bruschette,frutta,verdure,salse…spazio alla fantasia!
  6. Cocktail img_4517offrire 3 cocktail differenti di cui uno di questi dovrà essere analcolico per accontentare anche chi non ama alcool e bollicine
  7. Musica img_4518 selezionare musica soft che permetterà il dialogo tra gli ospiti
  8. Accessori img_4519 non dovranno mancare un bicchiere con misurino,il secchiello per il ghiaccio,un colino per filtrare,uno spremiagrumi,frullatore ad immersione, bicchieri di varie dimensioni,posate e tovaglioli
  9. Programma post aperitivo img_4520 pensate sempre ad un seguito che potrebbe essere un gioco di società o un film da vedere
  10. drinking-in-a-jar img_4521 un idea  per un happy hour green e di tendenza,arriva dai locali trendy di New York e di Shangai, la moda di servire il cocktail in tipici barattoli di marmellate, una vera e propria mania che prende il nome di “drinking-in-a-jar

… happy hour

Overjoyed

Irene Nicolosi

logo copia